Il Gruppo Grendi annuncia la nascita di una nuova compagnia marittima: ProCargo Line.

Dall’ 8 maggio ProCargo attiverà la linea Marina di Carrara/Cagliari/Tunisia.

 

ProCargo Line nasce da un progetto voluto dal Gruppo Grendi e sostenuto da investitori e manager attivi nel mondo terminalistico ed armatoriale. Soci di ProCargo Line sono il Gruppo Grendi , la Vittorio Bogazzi e figli SpA , la Porto di Carrara SpA e Euan Lonmon.

 

ProCargo Line avrà la sua base operativa nello Hub Cagliari da dove scalerà i porti del centro e sud della Tunisia di Sousse, Sfax e Zarzis, inizialmente con un servizio settimanale ma con la prospettiva di intensificare le partenze.

 

“Siamo molto soddisfatti di questo nuovo progetto, che sta andando nella direzione di implementare i traffici nello scalo di Carrara, che è nostra intenzione fare crescere– ha dichiarato la presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, Carla Roncallo. Ciò avviene in coerenza con tutte le altre iniziative intraprese dall’Ente”.

 

“Il progetto”, spiega Antonio Musso, ad Gruppo Grendi, “da un lato, risponde all’esigenza di aggregare risorse per meglio fronteggiare le sfide del mercato, e, dall’altro, si inserisce nel cospicuo flusso di scambi fra i due paesi che fa dell’Italia il secondo partner commerciale per la Tunisia”.

 

ProCargo Line inizierà ad operare l’ 8 maggio con la M/N ALTINIA, RoRo di 150 Metri di lunghezza e con una stiva di 1150 metri lineari. Le previsioni sono di trasportare oltre 200.000 tonnellate di merci nei primi 12 mesi operativi.

 

ProCargo Line potrà avvalersi del sistema di imbarco e sbarco a “cassette”, un’innovativa tecnologia introdotta nel Mediterraneo e già ampiamente sperimentata con successo dal gruppo Grendi. Grazie a queste strutture ProCargo è in grado di gestire tre categorie di carico: i rotabili, i contenitori e il general cargo, ovvero carichi speciali quali grosse apparecchiature, bobine d’acciaio, bancali di marmo. Il porto di Marina di Carrara può diventare così un importante snodo di flussi dal Nord-Italia verso i il Centro ed il Sud della Tunisia, con ricadute importanti anche per il Sud-Algeria e la Libia.

 

Grazie ad una frequenza finora mai offerta dall’ Europa verso i porti di Sfax, Sousse e Zarzis, ProCargo Line sarà una soluzione innovativa sia per l’Export verso la Tunisia di macchinari, prodotti di consumo, prodotti semi-finiti, acciaio, marmo oltre a tutte le categorie merceologiche esportate dall’Europa, che per l’Import dalla Tunisia di prodotti finiti, agro-alimentari, sabbie silicee, dando nuovi spunti di scambi economici tra la Tunisia e l’Europa.

 

Il Gruppo Tarros, con sede a La Spezia, partecipa al servizio per il business dei container sia per il Mercato italiano che per quello tunisino.

Ogni giorno....

27/10/2020

Ogni giorno una nave del Gruppo Grendi parte da Marina e da Cagliari e collega la Sardegna con il Nord Italia. Ogni giorno la “nostra autostrada del mare” porta in Sardegna tutte le merci di cui l’isola ha bisogno e nel Continente tutti i prodotti che la Sardegna produce e vende nel mondo. Ogni giorno, con qualunque condizione atmosferica, perché la continuità e la resilienza sono le nostre migliori caratteristiche. Ogni giorno, adesso anche il giovedì !

Continua a leggere...

Grendi apre a Olbia

06/07/2020

Dal 6 luglio Grendi ha aperto il nuovo centro distributivo ad Olbia. Il magazzino è una nuova struttura di 1800 mq dotato di ribalta, 16 porte, 8 sponde e ampio piazzale. In periodo di post Covid, mentre tutti aspettano di capire come si muoverà il mercato, Grendi investe per garantire un servizio sempre migliore anche nel periodo di picco estivo.

Continua a leggere...

Aumento del Capitale Sociale e Certificazione volontaria di bilancio

15/05/2020

Nel corso del mese di maggio 2020 il Gruppo Grendi ha proceduto ad aumentare il Capitale Sociale di Grendi Trasporti Marittimi SPA da euro 1.500.000,00 a 2.000.000,00 euro e ha ottenuto la certificazione volontaria di bilancio per l’esercizio 2019 da primaria società di Revisione Mazars Italia SpA. La Revisione legale ha confermato che il bilancio 2019 fornisce una rappresentazione veritiera e corretta in conformità alle norme italiane che ne disciplinano i criteri di redazione e che esso non contiene errori significativi dovuti a frodi o a comportamenti o eventi non intenzionali. Ha, inoltre, confermato la valutazione della capacità del Gruppo di continuare ad operare come un’entità in funzionamento, nonché l’adeguatezza dell’informativa fornita. In un momento di grande incertezza sul futuro, la certificazione di bilancio e l’aumento di capitale confermano l’esistenza di un progetto riconosciuto e di solide basi di continuità aziendale. La longevità e le prospettive di un’azienda dipendono dalle persone, dall’idoneità dei beni e delle tecnologie impiegati, dalla originalità e superiorità delle sue competenze distintive. Queste ultime, per quanto siano depositate nelle persone che in un dato momento lavorano in azienda, hanno la capacità di sedimentarsi e di venire trasmesse, fino a formare una cultura aziendale specifica che si tramanda tra le generazioni. Il Gruppo Grendi è tutto questo.

Continua a leggere...